Leggere è una forma di comprensione per analogia.

Si può leggere memorie storiche, programmi politici, trattati d'astronomia, manuali di bridge, tutto questo è per acquisire conoscenza. E la conoscenza è poca cosa. Tutti possono conoscere. Un sacco di bruti e di imbecilli sono pieni di conoscenza. Ciò che importa di più è, diciamolo, l'analogia. O più precisamente, una delle forme di comprensione per analogia. O più precisamente, una delle forme di comprensione per analogia che agisce sui sentimenti oltre che sull'intelligenza. Analogia, sentimento. Ecco la differenza con l'altro modo di comprensione, la filosofia, che si basa sull'analisi e sull'intelletto.

È sicuramente questa parte sentimentale che dà la sua seduzione alla letteratura. E il suo pericolo. Ci può ingannare con le sue immagini come bambini. Può anche farci conoscere più velocemente le cose, e forse altre cose, rispetto alla filosofia o alla psicologia.

[...]

La lettura non è contro la vita. È la vita, una vita più seria, meno violenta, meno frivola, più durevole, più orgogliosa, meno vanitosa, con spesso tutte le debolezze dell'orgoglio, la timidezza, il silenzio, il ripiegamento. La letteratura mantiene, di fronte all'utilitarismo del mondo, un distacco in favore del pensiero. Leggere non serve a niente. Per questo è una gran cosa. Leggiamo perché non serve a niente.

— Charles Dantzig, Pourquoi lire?, 2010

Commenti

Post più popolari