Sull'autodeterminazione e sull'amore

L'indipendenza per me è molto importante. Forse è saggezza che proviene dalla cultura giapponese. Amo la disciplina. Ma solo quando porta a una completa indipendenza. Ecco perché i protagonisti delle mie storie non appartengono né a comunità né a organizzazioni di alcun tipo. Stanno cercando.

Da questo punto di vista, quando scrivo, penso specificamente ai miei lettori giapponesi. Ma non può essere un caso se i miei libri hanno cominciato ad avere un tale successo internazionale dopo il 1990. Dopo il crollo dei grandi sistemi, si è fatto strada un forte senso di smarrimento. La questione dell'autodeterminazione – come scegliere da sé la propria vita – è diventata sempre più pressante. E io credo di sviluppare il modello di una vita umana completamente indipendente.

[...]

Penso che i miei romanzi siano dopotutto favole per adulti. Tutti vogliono credere alla forza dell'amore. E al suo dolore. Sono cose che nella realtà non si incontrano tanto facilmente. Ma quando leggete una storia, ecco che all'improvviso, cominciate a credere che tutto questo potrebbe capitare a voi. Sì. proprio a voi.

— Haruki Murakami, Intervista su Le Magazine Littéraire
Settembre 2014

Hammerbrook - City can this really be true?

Commenti

Post più popolari