martedì 11 febbraio 2014

Čechov non è Maupassant.

I critici russi, quando volevano far piacere a Cechov, paragonavano le sue novelle a quelle di Maupassant. Maupassant è un artista meraviglioso, ingiustamente screditato oggi [1941], ma bisogna pur convenire che i suoi racconti sembrano troppo spesso meccanismi impeccabili mentre quelli di Čechov sono esseri viventi con i difetti e le qualità delgi esseri viventi: l'imperfezione umana e la misteriosa vibrazione della vita.

Edmond Jaloux ha detto molto giustamente che i migliori racconti di Maupassant sono viziati dal loro carattere aneddotico, forzato; mirano a uno scatto, a un effetto. L'ultima frase penetra nella mente del lettore come una freccia. Čechov, invece, vuole lasciare un'impressione analoga a quella che dà la musica. Le sue novelle finiscono in maggiore o in minore, con una sorta di eco limpida e sonora.

Maupassant, Mérimée e altri ancora, nelle loro novelle mettono in luce un episodio, un unico avvenimento. La molteplicità dei personaggi e delle scene è riservata al romanzo. Sembra una cosa logica; in realtà è arbitraria come la maggior parte delle regole artistiche. Quando, in una novella, o in un romanzo, si mette in risalto un eroe o un fatto, si impoverisce la storia; la complessità, la bellezza, la profondità della realtà che dipendono da quei numerosi legami che mettono in relazione un uomo con un altro, un'esistenza con un'altra, una gioia con un dolore.
[...]
Quando, però, Čechov distingue un personaggio tra gli altri nella folla, non sceglie mai, per parlarci di lui, una crisi qualunque nella sua esistenza. Qualcuno ha seguito quell'esempio in maniera incomparabile: è Katherine Mansfield. È indubbio che sia stato Čechov a insegnarle quel segreto: scegliere il quotidiano dei giorni, l'ordinario e non l'eccezionale.

Ecco "Van'ka", il piccolo apprendista calzolaio, che scrive a suo padre, al villaggio. È un giorno come tutti gli altri, né più felice né più infelice, ed è questo, forse, che ci tocca tanto. Ecco l'ammirevole "Toska" (La nostalgia). Un cocchiere ha perso suo figlio. Non può parlare con nessuno di quella morte; alla fine la racconta al suo cavallo. Nessun avvenimento; neanche il minimo fatto; solo un destino spaventoso.

Ora, la realtà (tranne in tempi eccezionali) è povera di avvenimenti. Il lettore si riconosce in quelle esistenze medie, in quelle giornate monotone e senza scalpore. Si riconosce e si ritrova. Perché, troppo spesso, al momento di una crisi spunta un essere che non è lui. Non è veramente se stesso, indubbiamente, se non nella calma e nella noia.

Infine Čechov, anche se in una mezza pagina ci mostra un uomo, riesce a farci percepire la sua vita interiore. Maupassant e Mérimée ci dipingono una passione, un tratto del carattere, e se ne accontentano.

— Irène Némirovsky, La vie de Tchekhov, 1941-42
(pubblicato postumo nel 1946)

Hammerbrook - City can this really be true?
      

Nessun commento:

Anton Čechov (7) Gustave Flaubert (7) Italo Calvino (6) Julio Cortázar (6) Mario Vargas Llosa (6) Milan Kundera (6) Raymond Carver (6) Zadie Smith (6) Franz Kafka (5) Haruki Murakami (5) Javier Cercas (5) Jorge Luis Borges (5) Ray Bradbury (5) Stefano Benni (5) Stephen King (5) Antonio Tabucchi (4) Guy de Maupassant (4) James Joyce (4) Patricia Highsmith (4) Paul Auster (4) Raffaele La Capria (4) Tolstoj (4) Achille Campanile (3) Charles Bukowski (3) Claudio Magris (3) Ernest Hemingway (3) Flannery O'Connor (3) Giorgio Manganelli (3) Giulio Mozzi (3) Henry Miller (3) Kurt Vonnegut (3) Marcel Proust (3) Philip Roth (3) Umberto Eco (3) Vladimir Nabokov (3) Walter Siti (3) Anaïs Nin (2) Carlos Fuentes (2) Charles Dantzig (2) E. M. Forster (2) Edgar Allan Poe (2) Fëdor Michajlovič Dostoevskij (2) George Orwell (2) George Saunders (2) Gianrico Carofiglio (2) Ian McEwan (2) Luigi Meneghello (2) Marguerite Duras (2) Martin Amis (2) Mary Gaitskill (2) Michel Houellebecq (2) Orhan Pamuk (2) P. G. Wodehouse (2) Robert L. Stevenson (2) Stefano Bartezzaghi (2) Truman Capote (2) Walter Benjamin (2) William Faulkner (2) Albert Camus (1) Alberto Arbasino (1) Aldo Buzzi (1) Alice Munro (1) Amoz Oz (1) Andrea Camilleri (1) Anthony Trollope (1) Arthur Koestler (1) Bernard Malamud (1) Bret Easton Ellis (1) Carlo Emilio Gadda (1) Charles Baudelaire (1) Charles Péguy (1) César Bruto (1) Dacia Maraini (1) David Foster Wallace (1) David Lodge (1) Diego De Silva (1) Dino Campana (1) Don DeLillo (1) Doris Lessing (1) E. L. Doctorow (1) Elmore Leonard (1) Emily Dickinson (1) Erri De Luca (1) Fred Uhlman (1) Fruttero e Lucentini (1) George Eliot (1) George Steiner (1) Georges Simenon (1) Gertrude Stein (1) Giacomo Debenedetti (1) Giancarlo Vigorelli (1) Gianpaolo Rugarli (1) Giorgio Messori (1) Giuseppe Pontiggia (1) Graham Swift (1) Hanif Kureishi (1) Henry James (1) Irène Némirovsky (1) Isaac Asimov (1) Isaac Babel (1) Isabel Allende (1) Italo Svevo (1) J. D. Salinger (1) J. M. Coetzee (1) Javier Marías (1) Jean Starobinski (1) Jhumpa Lahiri (1) John Cleese (1) John Gardner (1) John Steinbeck (1) Jonathan Safran Foer (1) Jorge Semprun (1) Joseph Brodsky (1) Julian Barnes (1) Karl Kraus (1) Leonardo Sciascia (1) Luca Canali (1) Marcello Fois (1) Maria Teresa Andruetto (1) Mark Twain (1) Mary Gordon (1) Maurice Sachs (1) Metastasio (1) Michael O’Donoghue (1) Michail Bachtin (1) Muriel Barbery (1) Nadine Gordimer (1) Natalia Ginzburg (1) Nathaniel Hawthorne (1) Neil Gaiman (1) Oscar Wilde (1) Patrick McGrath (1) Peter Bichsel (1) Pietro Citati (1) Renato di Lorenzo (1) René Girard (1) Rick Moody (1) Robert Musil (1) Samuel Delany (1) Samuel Johnson (1) Sandro Veronesi (1) Sebastiano Vassalli (1) Siri Hustvedt (1) Slavoj Žižek (1) T. S. Eliot (1) Tillie Olsen (1) Tommaso Marinetti (1) Vasilij Grossman (1) Vincenzo Cerami (1) William Burroughs (1) William Saroyan (1) Wislawa Szymborska (1) Yann Martel (1) Ágota Kristóf (1)