Infilare pantofole di pezza agli scrivani

Non c'è frase di Madame Bovary che, esaminata, non desti meraviglia, ma ce n'è una in particolare davanti alla quale mi fermo ammirata. Flaubert ci ha appena mostrato Emma al piano, con Charles che la guarda. Dice:

"Batteva sui tasti con disinvoltura percorrendo senza posa la tastiera, da un'estremità all'altra. Così scosso, il vecchio strumento, con le corde che vibravano, si faceva sentire fino in fondo al paese quando la finestra era aperta, e spesso lo scrivano del balivo, passando per la via principale, a capo scoperto e in pantofole di pezza, si fermava in ascolto, il foglio di carta tra le mani.

Più si guarda una frase come questa e più c'è da imparare. A un estremo siamo con Emma e questo tangibilissimo strumento, "con le corde che vibravano", e all'altro siamo in fondo al paese con questo concretissimo scrivano in pantofole di pezza. Considerando quanto accade a Emma e nel resto del romanzo, potremmo pensare che non faccia alcuna differenza se lo strumento ha corde vibranti o lo scrivano e in pantofole di pezza e ha un foglio di carta fra le mani, ma Flaubert doveva creare un paese credibile dove collocare Emma. Non va mai dimenticato che cura "immediata" dello scrittore di narrativa non sono tanto idee grandiose ed emozioni tumultuose, quanto infilare pantofole di pezza agli scrivani.

C'è da dire però che di tutto questo alcuni imparano soltanto ad abusare. È uno dei motivi per cui nella narrativa un rigido naturalismo è un vicolo cieco. In un'opera d'arte si può essere letterali all'estremo, senza per questo essere affatto naturalistici. L'arte è selettiva, e la sua veridicità è la veridicità dell'essenziale che crea movimento.

— Mary Flannery O'Connor, Mystery and Manners, 1957

Hammerbrook - City can this really be true?

Commenti

Post più popolari