Il romanziere, come il catoblepa

Quanto agli argomenti credo che il romanziere si alimenti di se stesso, come il catoblepa, il mitico animale che appare a sant'Antonio nel romanzo di Flaubert (La tentazione di Sant'Antonio) e che poi fu ricreato da Borges nel Manuale di zoologia fantastica.

catoblepa
"Ronald" by @adorabilefranz

Il catoblepa è una creatura impossibile che divora se stessa, a cominciare dai piedi. In senso meno materiale, certo, il romanziere va a sua volta frugando nella sua stessa esperienza, in cerca di appigli per inventare storie. E non soltanto per ricreare personaggi, episodi e paesaggi sulla base del materiale che gli forniscono certi ricordi, ma anche perché trova in quegli abitanti della sua memoria il combustibile per la volontà necessario a coronare con successo quel procedimento, lungo e difficile, che è forgiare un romanzo.

— Mario Vargas Llosa, Cartas a un joven novelista, 1998

Hammerbrook - City can this really be true?

Commenti

Post più popolari